È iniziata la guerra alla Cannabis Light: chiusi i primi 3 negozi

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

È iniziata la guerra alla Cannabis Light, chiusi i primi 3 Canapa Shop, precisamente nelle città di Macerata, Porto Recanati e Civitanova Marche e annullato il Sativa Torino Expo la fiera internazionale della Canapa di Torino per le date di 17-18-19 Maggio per scelta degli organizzatori, altre info al sito ansa.

Intanto gli organizzatori della Million Marijuana March di Roma fanno sapere che sabato prossimo, 11 maggio, non rinunceranno alla manifestazione prevista.

Finito il braccio di ferro per le dimissioni di Siri, tra Lega e M5S sembra non esserci mai pace, ultima discordanza è l’argomento droghe leggere o piú precisamente, la vendita di infiorescenze di canapa industriale.

Esatto caro ministro… canapa industriale! Perchè come voi ben sapete la “Cannabis Light” non è altro che il fiore della solita canapa industriale usata da millenni utilizzando stelo, foglie, fiori e semi per la creazione prodotti per il corpo, tessuti, mattoni, alimenti, integratori, tisane e molto altro.

Le parole di Salvini sul caso Canapa Shop:

«Da oggi comincia una guerra via per via, negozio per negozio, quartiere per quartiere, città per città – ha aggiunto -. Gli spacciatori non li voglio, la droga fa male. Meglio un uovo sbattuto»

cannabis light illegale

Ora la domanda sorge spontanea… caro Ministro, a parte il fatto che lei parla di droga.. e si riferisce a negozi che vendono sostanze completamente legali… tutta l’Italia si sta chiedendo come pretende di “eliminare gli spacciatori” chiudendo negozi di una sostanza che non fa altro che danneggiare il mercato degli spacciatori stessi?

Gli unici ad essere felici della chiusura dei Canapa Shop saranno proprio gli spacciatori!

I pusher staranno facendo i salti di gioia per le parole del ministro, che oltre ad avere meno concorrenza, perchè la Cannabis Light è un ottimo sostituto della Cannabis “vera” anche se non ha effetti psicotropi, ma è solo buona e rilassante proprio come una camomilla.

Molti utenti hanno diminuito o addirittura smesso di comprare Cannabis dallo spacciatore, sia per un discorso di legalità (un uomo di 30-40-50 anni con famiglia preferisce uscire da un negozio con lo scontrino più che andare nei parchi a trattare con “gli spacciatori da piazza” e rischiare lavoro e libertà), che per un discorso di potenza e concentrazione di THC troppe elevato della Cannabis che trovi per strada.

A mio PERSONALE parere, la chiusura dei Canapa Shop, porterebbe solo una conseguenza drammatica.. la creazione di un altra sostanza illegale, una nuova “Droga Leggera” da combattere, quindi un altro prodotto per gli spacciatori da aggiungere al listino prezzi la “Cannabis Light illegale” con un prezzo ovviamente ancora più alto.

Ormai la domanda del prodotto esiste, e come ben sapete il mercato lo crea la domanda, se nessuno compra un prodotto non ha motivo di esistere, quindi i pusher dovranno adeguarsi alle richieste dei propri “clienti”.

A voi le conclusioni.. ma l’unica cosa sicura è che l’Italia sta andando indietro invece di andare avanti e se continuiamo a rimanere a guardare continueremo solo a peggiorare le cose.