Differenza tra Canapa, Cannabis e Marijuana

Canapa VS Cannabis

Differenza tra Cannabis e Canapa Industriale

Introduzione

A causa di più di un secolo di disinformazione e notizie fake sulla Marijuana, tante persone ancora oggi fanno molta confusione tra Canapa Industriale e Marijuana, pensando sia la stessa cosa, ma non è così e in questo articolo andremo ad analizzare le differenze tra le due splendide piante. Non perdiamoci in altri giri di parole e andiamo quindi a scoprire insieme quale sia la differenza tra Canapa e Cannabis.

 Marijuana

Innanzi tutto c’è da fare un appunto, Marijuana e Cannabis sono la stessa cosa, infatti il termine Marijuana è stato coniato dai messicani per distinguere la Cannabis ad uso ricreativo.

La Marijuana è una famiglia di piante con due classificazioni primarie: Sativa e Indica. La loro somiglianza estetica rende ai meno esperti difficile la distinzione tra Marijuana e Canapa, che a livello di struttura biologica si differenziano in modo molto.

La marijuana presenta foglie larghe, cime dense e un aspetto corto e cespuglioso. La Cannabis contiene una varietà di diversi composti chiamati Cannabinoidi, quelli piuù conosciuti sono sicuramente il Tetraidrocannabinolo (THC) e il Cannabidiolo (CBD). Entrambi i Cannabinoidi hanno dimostrato di fornire grandi benefici al corpo umano, tuttavia, il THC induce effetti psicoattivi al contrario del CBD.

Nella Marijuana la concentrazione del THC si aggira tra valori che vanno dal 15% al 30%. La presenza del Tetratidrocannabinolo gioca un ruolo molto importante sulla legalità della pianta nei vari paesi del mondo, dove le quantità permesse sono diverse da stato a stato. Negli Stati Uniti ad esempio il quantitativo massimo di THC consentito è dello 0,3% mentre nella maggior parte del resto del mondo è dello 0,2%, ecco perchè la Cannabis è illegale in molti stati, mentre non lo è la Canapa.

Se sei curioso di scoprire quali sono gli altri principi attivi della Cannabis, leggi l’articolo che abbiamo scritto cliccando qui. 

Canapa

La Canapa a differenza della Marijuana presenta foglie strette che si concentrano per la maggior parte sulla parte superiore della pianta, che raggiunge altezze notevoli, sfiorando spesso i 2 metri. La Canapa presenta un minore contenuto di THC e un maggiore di CBD per questo la sua vendita è consentita nella maggior parte dei paesi del mondo.

Proprio per questo motivo la Canapa viene utilizzata a scopo industriale, da qui il nome Canapa Industriale, essa infatti può essere utilizzata in vari campi, come quello ediledell’abbigliamento, alimentare ed energetico.

Se vuoi approfondire gli utilizzi della Canapa non ti resta che leggere l’articolo dedicato cliccando qui.

Conclusioni

Ora che sai la differenza tra Canapa e Cannabis (Marijuana) puoi correggere il tuo amico che continua a confondere i due termini credendo siano la stessa cosa. E’ ora che tutti sappiano la differenza tra queste due meravigliose piante, perché è proprio la disinformazione che ha portato la demonizzazione della Cannabis, quindi condividi l’articolo in modo che tutti sappiano la verità.

Una risposta

  1. Buongiorno,
    sono un agricoltore interessato ad iniziare la coltivazione della canapa. Per farlo in modo legale devo per forza utilizzare delle varietà europee che hanno per legge un (basso) contenuto di THC < 0,2%. Ora, non essendo un fumatore e quindi non avendo potuto provare personalmente gli effetti psicoattivi della cannabis, volevo sapere se c'è un modo per poter avere un BUON ED APPREZZATO effetto utilizzando le foglie essiccate triturate. Vorrei in altri termini capire se facendo un prodotto legale di alta qualità (metodo biologico, essiccazione con tecniche "gentili" e salutari che ne preservino gli aromi e i principi attivi) ma necessariamente con THC basso (<0,2% imposto dalla legge), questo avrebbe un mercato tra i consumatori oppure no in quanto troppo "blando e poco potente". Immagino che tale prodotto non verrebbe in ogni caso mai utilizzato dai consumatori che prediligono l'effetto forte ma il dubbio è se i consumatori "medi" possano apprezzare un prodotto sicuro, certificato, garantito, controllato a fini ricreativi o ludici o se in tutta onestà non c'è spazio per "roba" leggera.
    La mia domanda-dubbio da profano è: se un tritato legale di foglie ha un THC 20% (100 volte di più), c’è uno strumento o una modalità che utilizza 100 volte in più di quantità di prodotto a basso THC (ad esempio 100 grammi di foglie invece di 1 grammo di fiori) per ottenere lo stesso effetto psicoattivo?
    Grazie mille del vostro parere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

thc

THC, origini ed utilizzi

THC, storia ed utilizzi Il THC o più corretto delta-9-tetraidrocannabinolo (delta-9-THC o tetraidrocannabinolo) è il più noto principio attivo della Cannabis tra i 113 cannabinoidi

Leggi Tutto »
Cilum

Cilum – Le origini

Cilum – origini, legenda e tradizioni Il Cilum, chiamato anche Chilum, Cylom, Cyloom, Chillum, Chillom o Chiloom è una antenato della pipa moderna, a differenza

Leggi Tutto »